17gennaio2014.
"Io ho avuto solo me stesso e le parole. Dietro a una corazza disinvolta, dietro modi leggeri, ho nascosto anni di sforzi e imbarazzo. Come facevano, gli altri, a esserci con tanta naturalezza? A essere, essersi amici. A muoversi, toccarsi, baciarsi perfino: senza tremare.”
Paolo di Paolo, Raccontami la notte in cui sono nato (via vomitoveleno)
©